Log in

Consorzio di Tutela Primitivo di Manduria

Il Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria è nato nel 1998 grazie all’impegno di un gruppo di produttori di costituire un istituto giuridico in grado di tutelare il vino “Primitivo di Manduria”.

A dicembre 2015, il Consorzio ha ottenuto dal Ministro delle Politiche Agricole e Forestali l’attribuzione dell’incarico a svolgere funzioni di tutela, promozione, valorizzazione, vigilanza,  informazione del consumatore e cura generale degli interessi di cui all’art. 17, comma 1 e 4 del d. lgs.8 aprile 2010, n. 61 - Erga Omnes per la DOC Primitivo di Manduria. Il Consorzio di Tutela, oltre al ruolo di supportare le aziende per penetrare nei mercati esteri, ha, nel contempo, anche quello di tutelare il prodotto all’estero, contro eventuali abusi, atti di concorrenza sleale e contraffazioni, il tutto per salvaguardare la grande denominazione pugliese. 

Il Consorzio organizza gli eventi in Italia e all’estero e la partecipazione dei vini dei produttori alle fiere. Altra attività è l’assistenza ai soci sulle normative che regolano la produzione del vino.

Il Consorzio mira agli obiettivi di valorizzazione dell’immagine dell’ente sia sul territorio sia a livello internazionale, potenzia i valori fatti di dinamismo e attività  in continua evoluzione diventando punto di riferimento per i produttori e per le Istituzioni. Accanto alla promozione c‘è la preziosa azione del Consorzio nell'ambito della tutela internazionale dei marchi. Il Consorzio di Tutela è attivo a vegliare in tutti i mercati mondiali per vigilare e opporsi ad ogni attività di usurpazione e contraffazione del marchio, effetto collaterale del crescente successo del Primitivo di Manduria.

Il Consorzio vanta ad oggi 27 aziende (ma altre stanno chiedendo l’iscrizione) che vinificano ed imbottigliano e oltre 850 soci viticoltori. L’aerale di produzione riguarda 18 comuni tra  Taranto e Brindisi, per un totale di 3.140 ettari di vigneti.

Primitivo di Manduria portabandiera del turismo enogastronomico

L'Enoturismo, sfide e opportunità per il Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria, questo il titolo del convegno in programma giovedì 11 maggio alle 18.30 presso la sede del Consorzio (Contrada Piscine, Uggiano Montefusco Manduria - TA).

Un momento di confronto e di riflessione - con i massimi esperti del settore - per fare il punto sull’enoturismo oggi e per comprendere quali siano le potenzialità del Primitivo di Manduria come forza trainante insieme all’apporto delle istituzioni.

Un’occasione importante per porre in evidenza le potenzialità di crescita del territorio soprattutto dopo l'approvazione di una serie di disposizioni normative contenute all'interno del "Testo Unico Vino", riservate proprio all'enoturismo.

Roberto Erario, presidente del Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria introdurrà i lavori, a seguire il Senatore Dario Stefàno, capogruppo commissione Agricoltura e  presentatario del DDL sull'Enoturismo,  Sebastiano De Corato, presidente Movimento Turismo del Vino Puglia, Luca Caputo, esperto in Marketing e Promozione Turistica Università del Salento e Giuseppe Marti, responsabile della Filiera Agroalimentare della Regione Puglia.

Modererà l’incontro Tullio Mancino, consulente aziendale ed esperto in finanza agevolata - Biemme Project.

E per concludere il Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria curerà un momento degustativo con una selezione di vini della cantine associate.

L’evento L'Enoturismo, sfide e opportunità per il Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria ha ottenuto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

Comunicato Stampa Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria
Ultima modifica ilVenerdì, 01 Settembre 2017 12:13

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.