Log in

Cantine Paolo Leo, Rosarose: uno spumante tra tradizione e innovazione

Il Sud della Puglia, il Salento, noto al mondo  tra le mete turistiche di maggior spicco, consigliate  da guide e giornali stranieri autorevoli come New York Times, Huffington Post, Guardian, Lonely Planet e National Geographic, solo per citarne alcuni, risulta tra i luoghi piu piacevoli per trascorrervi le vacanze.
  • 0

Mustilli: dimora e cultura del vino

Sant'Agata dei Goti è un piccolo borgo tra i più belli d'Italia, situato alle falde del Monte Taburno, nella provincia di Benevento. È apprezzata per l'integrità urbanistica/paesaggistica del centro storico, le cui fondamenta poggiano su una roccia tufacea.
  • 0

Casa di Grazia: l'amore per la vite siciliana

Da un lato il mare, il Mediterraneo, dall’altro il Lago Biviere, il più grande lago costiero siciliano ed uno dei pochi naturali rimasti. È qui, nel sud della Sicilia, a Gela, antica città della Magna Grecia, che incastonati in un microclima favorevole si coltivano i vigneti dell’azienda Casa di Grazia: 40 ettari, soprattutto a spalliera.
  • 0

Dall'Oltrepò il Metodo Classico dell'Azienda Calatroni

Quando inizia a parlare della sua azienda di famiglia e dell'Oltrepò, il giovanissimo Stefano Calatroni è un fiume in piena: potrebbe parlarne per ore -con competenza e precisione- senza annoiare i suoi uditori, passeggiando tra i filari o nella sua tecnologica cantina a Montecalvo Versiggia.
  • 0

Giuseppe Musina: l'orgoglio d'Orgosolo

<< ...Giorni cheti, consapevol d'esser preludio, d'un moto agricolo concitato, Consacra l'oggi un mesto gesto silenzioso, L'adusta corazza d'una alida mandorla , sfaldasi, sotto il secco colpo deciso, Così tende al frutto il vignaiuol carezzevole di cotanta sofferenza, che, secondo natura, tregua non cede...>>.
  • 0

L'Albana di Romagna secondo noi

La rinascita di un vitigno storico raccontate nelle diverse interpretazioni di dieci produttori, in una grande degustazione nella Capitale, condotta da Monica Coluccia.
  • 0

Monteverro: la luxury winery di Capalbio

Dici Capalbio e subito vengono in mente i luoghi di villeggiatura per i vip, i paesaggi indomiti e la cucina genuina.  La cartolina di una Maremma incontaminata e patinata, in cui il vino passa in secondo piano. Addirittura, qualche “intenditore“ sostiene che non sia possibile  fare del buon vino a Capalbio.
  • 0

Fongaro Riserva Brut Spumante Metodo Classico: ricercata interpretazione del Durello

Le alte vallate tra le province di Verona e Vicenza, quelle dei Monti Lessini, sono uno scrigno naturale capace di custodire un ambiente unico ed ideale per una viticoltura che può raggiungere risultati di grande eccellenza. I rilievi dal profilo aguzzo, subito mostrano la natura del luogo e riconducono all'origine vulcanica del territorio, la cui impronta costitutiva, caratterizza in profondità, con forti tratti distintivi, le produzioni vitivinicole.
  • 0

Senes: elogio alla longevità

La forza e la storia del Cannonau è la stessa dei suoi protagonisti, la Sardegna e i suoi centenari. Un vino dal nome palindromo che racconta di tradizione e di identità, attraverso una sola parola: eleganza.
  • 0

La Masseria di Sessa: armonie di natura

Un imprenditore ed un enologo danno vita ad un progetto per testimoniare il rapporto di armonia tra la natura e l'uomo. L'opera in questione, realizzata nel 2014, si chiama "La Masseria di Sessa", un' area di 14 ettari, situata nella incontaminata campagna di Sessa Aurunca.
  • 0
Sottoscrivi questo feed RSS