I politici risolvano al più presto questo problema!

Letto 515 Email
Cosa sta accadendo in Italia? Cerchiamo di auto derubarci o ci stanno autorizzando a disperdere le nostre tipicità?
 
In live Vinoway, condotta dal duo formato da Davide Gangi e Alessandro Rossi, si fa giustizia: "Giù le mani dal Cannonau di Sardegna".

Gli ospiti sono: Mariano Murru Enologo e Presidente di Assoenologi Sardegna, Emanuele Garau del Consorzio di Tutela del Cannonau di Sardegna, Sandro Murgia Presidente del Consorzio di Tutela vini di Cagliari e Alessandro Dettori fondatore e amministratore del Consorzio di Tutela Terre di Romangia.

Siamo al capitolo secondo e dopo il primo presunto attacco della Sicilia al Primitivo di Puglia, oggi, si teme per il Cannonau di Sardegna.

L’autore del “furto”, questa volta, potrebbe essere la Toscana o forse il vero “scippo” avviene altrove?

Vi è una bozza del Decreto Ministeriale che andrà in approvazione entro fine anno in cui tutti i vitigni regionali verranno liberalizzati e sarà possibile non solo coltivarli in altre regioni ma anche menzionarli in etichetta.

I Presidenti difendono, quindi, non solo il Cannonau ma tutti i vitigni storicamente regionali contro la desardizzazione.

L’ordine pare arrivi direttamente dai “piani alti” e quindi ci si chiede: “I nostri politici ci difendono a Bruxelles? Conoscono la materia?”

Probabilmente no, ma non potendo essere onnisciente è forse il caso che la classe politica si avvalga di staff composti da tecnici specializzati per comparti?

Probabilmente la “potenza di fuoco” di molti vitigni non è così ambita e magari la Toscana desidera valorizzare le sue tipicità ... ma siam certi che non nasca un po’ di confusione e qualche imbottigliatore possa specularci?

A gran voce e con simpatia ricordando la tipica “U” sarda, i rappresentati difendono il Cannonau con Assessorato e Media.

Da qualche mese è nata un’Unione tra i Consorzi di Tutela dell’Isola per la difesa del territorio. La Sardegna, da anni, punta a valorizzare le proprie produzioni imbottigliando solo alta qualità e, effettivamente, raramente le bottiglie sarde si dimostrano deludenti.

L’Unione dei Consorzi è una gran bella novità e, come già caldeggiato per la Puglia, Vinoway stimola i sodalizi territoriali. Occorre seguire la classe politica evitando, così, di perdere tempo, denaro e storia.

La live integrale è disponibile sul nuovo portale della comunicazione del vino Vinoplay.com o su Facebook.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.