Coronavirus: i Vignaioli forza trainante dell’economia italiana

Letto 1735 Email Video
Il COVID-19, il virus che ha colpito il nostro Paese e gran parte del mondo, non ferma il lavoro in campagna tra i filari e nelle aziende vinicole, settore trainante dell’intera economia nazionale.
 
Le operazioni di potatura stanno proseguendo in totale normalità, come anche il lavoro per travasi e rimontaggi in cantina.

Molte aziende, giustamente, hanno bloccato le visite e le degustazioni seguendo il Decreto "#iorestoacasa" che vieta ogni forma di assembramento mentre, per quanto riguarda i dipendenti, prende sempre più piede l'opzione dello smart working, dove è possibile lavorare direttamente da casa.

Un fattore molto importante per le aziende è che il Coronavirus non si trasmette attraverso la spedizione di merci o alimenti, come già spiegato dal Ministero delle Politiche Agricole.

Su questo argomento sono intervenuti anche gli enologi che, attraverso la figura più autoritaria, Riccardo Cotarella, Presidente di Assoenologi, fanno sapere che:"In merito all’emergenza COVID-19, ci pervengono numerose richieste, da parte di soci ed altre categorie professionali, afferenti a diversi temi, fra i quali la contaminazione del vino, la contaminazione degli imballaggi, gli effetti limitanti del vino sull’azione del virus. Al riguardo, con la dovuta prudenza, per il fatto che si tratta di un virus nuovo, Assoenologi, dopo un confronto con importanti rappresentanti della comunità medica, rileva che la sopravvivenza del virus nel vino appare impossibile in quanto la concomitante combinazione della presenza di alcol, di un ambiente ipotonico e della presenza di polifenoli, impedisce la vita e la moltiplicazione del virus stesso. Assai remota, se non addirittura statisticamente inesistente, appare la contaminazione da imballaggi, anche in considerazione della breve vita del virus e dell’assenza di un potenziale ospite biologico vivente. Un consumo moderato di vino, legato al bere responsabile, può contribuire ad una migliore igienizzazione del cavo orale e della faringe, area, quest’ultima, dove si annidano i virus nel corso delle infezioni".

I consumatori e i produttori non si fanno abbattere dal Coronavirus e, sui social, sorgono diversi momenti di condivisione.

Si stanno organizzando degustazioni, brindisi e diffusione di informazioni attraverso i social, tante cantine stanno provvedendo alla vendita del vino a domicilio, senza costi di spedizione per i prodotti acquistati online.

Fa da esempio la cantina emiliana Umberto Cesari che ha lancianto la campagna social #iorestoacasa #ilvinoteloportiamonoi, ma anche il produttore Luca Balbiano della Cantina Balbiano, alle 19 realizza una diretta Facebook, facilmente reperibile attraverso l'hashtag #stappatincasa, in cui stappa una bottiglia e guida una degustazione online.

Questo è lo spirito giusto per affrontare questi giorni di quarantena forzata, con la speranza che il tutto si possa risolvere per il meglio.
 
In questi giorni pieni di incertezze e di smarrimento ci sono arrivati i videomessaggi di tre giovani produttori pugliesi, Francesco Mazzone, Gabriele Garofano e Luca Scapola (altri ne seguiranno prossimamente), che hanno voluto rivolgere un saluto e un incoraggiamento a noi di Vinoway e ai nostri lettori, mentre sono impegnati nelle loro attività lavorative in campagna, tra i filari.

Perché la natura non si ferma. Ignara e incurante di numeri, picchi e statistiche, prepara il suo risveglio e richiede attenzioni. Quei gesti e quelle pratiche arcaiche che mai come in questo momento ci sembrano così rassicuranti perché accompagnano da sempre il rigenerarsi della natura e il germogliare di nuova vita. Gesti che possono diventare un simbolo di rinascita e di impegno in un momento così buio per la nostra nazione, un inno all’inesorabile “panta rei”, che nell’incessante trasformarsi della natura, ci offre un motivo per sperare ancora.

Invitiamo i produttori/viticoltori ad inviarci i loro video al nostro indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. che provvederemo a pubblicare sui social di Vinoway.

Video

Ultima modifica ilVenerdì, 13 Marzo 2020 18:02

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.