Log in
Johnny Iannantuono

Johnny Iannantuono

Winelover per credo, appassionato consumatore, sempre alla ricerca del calice perfetto, instancabile ricercatore di vini emozionali, poco avvezzo alle etichette e alla catalogazione di determinati concetti di vino.

Nel mondo enoico non puó esistere il compromesso,scrivo per trasmettere ció che imparo dal vino, dalla natura e dai produttori.

Vedo il vino come una grande interazione tra varie componenti e credo che comunicare divulgando esperienze degli allevatori di vigne con i lettori susciti le stesse emozioni di una degustazione di un grande vino condiviso!

JNK: i vignaioli del Vipacco sloveno

Il viaggio da JNK verso i suoi vini, inizia percorrendo la fine dell’ A34 che dal Friuli porta in questo paesaggio naturale quasi  incantato, fatto di montagne e fitti boschi, dove a pochi chilometri dal confine troviamo un piccolo paese, di nome Šempas, nella valle del Vipacco, un piccolo insediamento nel comune di Nova Gorica di circa mille abitanti.

Agricola Brama: la sfida di un’azienda, oltre la biodinamica

Ci troviamo a Caggiano in provincia di Salerno, comune ridente ad 828 mt. s.l.m, ed è qui alle pendici di questo comune nascono i vini dell’Azienda Agricola Brama, una storia fatta di passione e conoscenza di Rino e Tiziana, vulcanici e imprevedibili produttori di vini artigiani (ma con criteri scientifici) e che richiamano a stili romantici che ricordano vini di altri tempi.

Casa Raia: l’amore e il rispetto per il territorio di Montalcino

Durante una piacevole visita a questo Vinnatur 2018, la manifestazione sui vini naturali che si svolge presso la splendida cornice di Villa Favorita a Monticello di Fara (VI), tra i mille assaggi proposti dai vari produttori, uno di quelli che più ci ha incuriosito, è stato quello di un piccolo produttore di Brunello di Montalcino e non solo di origine francese, per chi non lo conoscesse, il suo nome è Pierre-Jean Mannoyer, lui vignaiolo insieme alla moglie e patron di Casa Raia.
Sottoscrivi questo feed RSS