Si è spento Angelo Jermann, il “Nonno del Vino”

Scritto da | Pubblicato in cronaca Si è spento Angelo Jermann, il “Nonno del Vino”

Angelo Jermann, considerato il “Nonno del Vino” si è spento ieri, domenica 9 dicembre, nella sua abitazione di Farra d’Isonzo. Nato a Villanova di Farra il primo settembre del 1923 era, insieme a Livio Felluga, uno dei patriarchi dell’enologia friulana.
Angelo Jermann ha continuato a portare avanti sino all’ultimo la tradizione di allevamento delle viti, ma in passato si è dedicato con passione anche all’allevamento del bestiame, contribuendo a fare del brand Jermann un’azienda familiare etica e di successo, a tutto tondo.

Angelo, insieme all’inseparabile moglie Bruna, venuta a mancare lo scorso novembre, aveva trasformato un’azienda di tipo tradizionale mista in una realtà modello specializzandola in frutticoltura e vitivinicoltura riuscendo, insieme al figlio Silvio, ad innovare il mondo dell’enologia.

Negli anni l’azienda Jermann è cresciuta gradualmente proponendo al mercato prodotti di ineccepibile qualità, una ricerca continua dell’eccellenza, e un rispetto assoluto della terra e dei suoi ritmi a cui si aggiungono le caratteristiche di un winemaker unico, innovatore e visionario, capace di pensare il concetto di blend quando ancora non esisteva.

La Redazione di Vinoway si stringe al dolore della famiglia.

Tag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.