L'alimentare soffre meno degli altri comparti. Salvato dall'export.

Letto 1523 Email
L'alimentare soffre meno degli altri comparti. Salvato dall'export. L'alimentare soffre meno degli altri comparti. Salvato dall'export.

L'anno scorso l'export (+7%), con il vino in testa, ha trainato il food tricolore e anche per il 2014 il trend positivo dovrebbero consentire alle nostre aziende di accelerare, all'8-10%, e compensare la stagnazione del mercato domestico.


Il 2013 è stato un anno a due velocità per l'industria alimentare italiana, che ha fatturato 132 miliardi, di cui oltre 26 miliardi di export. I primi nove mesi dell'anno sono stati i peggiori dal 2007 quanto a produzione, fatturato e consumi, ma la "ripresina" dell'ultimo trimestre, la tenuta di export e dei livelli occupazionali hanno permesso di chiudere un consuntivo accettabile.

«La ripresina di fine 2013 è tutta da interpretare - ha osservato ieri Filippo Ferrua, presidente di Federalimentare, in occasione della presentazione del bilancio 2013 dell'industria alimentare -. Non vorrei che fosse stata spinta da un processo di ricostituzione delle scorte. Stimiamo che il 2014 potrebbe risultare in linea con l'anno prima». Ci saranno crisi importanti anche quest'anno? «Non credo - ha risposto Ferrua – Le grandi multinazionali hanno razionalizzato i loro processi produttivi l'anno scorso, quindi escludo che si possano ripetere».

Nel 2013 le vendite di alimentari sono scivolate del 4% a valore (costante) e del 2,1% a volume. Sono le contrazioni più marcate degli ultimi anni, che fissano il calo dei consumi in 13 punti dall'inizio crisi. Non a caso i discount sono stati l'unico segmento della grande distribuzione a crescere negli ultimi anni: la perdita di 2,5 punti di valore aggiunto certifica che ormai la borsa della spesa degli italiani è più leggera «ma anche di minore qualità».

Meglio il fronte produttivo: il -1% del 2013 segue il -0,9% del 2012 e segna una perdita complessiva del -3,6% rispetto al 2007, ultimo anno pre-crisi. Ma fino a settembre il calo tendenziale era più marcato (-2%) e il recupero di un punto percentuale nell'ultimo trimestre lascia ben sperare.

Sui mercati internazionali l'export è migliorato del 7% a 26,4 miliardi. A sorpresa, gli sprinter sono stati il Nord Africa e i Paesi arabi, con in testa gli Emirati arabi uniti (+26%) e l'Arabia Saudita (+18%). Bene anche la Turchia (+26%), ma rallenta il Giappone mentre la Cina innesta la retromarcia con un -11%. Aumenti moderati, tra il +3% e il +6%, per Germania, Francia e Regno Unito, gli sbocchi più importanti. Mentre l'export verso gli Usa, terzo mercato per gradimento dei nostro food & drink, ha segnato una crescita del 6%.

«Anche quest'anno – aggiunge Ferrua - credo che il vino guiderà la crescita dell'export, seguito dal dolciario e dal lattiero caseario. Sempre che non insorgano problemi rilevanti sui mercati, come il contenzioso dei "semafori" in Gran Bretagna». Da qualche mese le etichette inglesi riportano, in maniera grossolona, un segnale rosso o giallo a secondo del potere calorico (grassi e dolci) del prodotto alimentare. «Lo ribadisco – ha sostenuto Ferrua - questo meccanismo è inconciliabile con le regole dell'Unione europea. Infatti il 20 e il 21 febbraio a Bruxelles il Consiglio di competitività Ue avrà in agenda, per iniziativa del Mise, ancora una volta la trattazione dei semafori britannici. Si spera di raccogliere altre adesioni alle 17 già manifestate».

Poi il presidente di Federalimentare ha concluso soffermandosi (senza citare Coldiretti) sui ripetuti attacchi «ideologici sull'origine delle materie prime: negano la storia del nostro made in Italy, fatta di qualità e sicurezza. Il primato di un made in Italy più buono e sano perché a Km zero nega due verità inconfutabili: non sempre la materia prima italiana è prodotta a sufficienza o è di qualità adeguata inoltre il sistema dei controlli conta su un miliardo di analisi di autocontrollo e investimenti per 2 miliardi l'anno».


I nodi del settore

IL FISCO CHE FRENA

Effetto boomerang

Le criticità del settore alimentare sono generate anche dal fisco: i recenti aumenti dell'Iva e i prossimi nuovi aumenti delle accise su birra (+33% in 16 mesi e con una tassa del 47%) e distillati mettono a rischio la sopravvivenza di molte piccole aziende, a volte operanti in settori con potenzialità di sviluppo. Secondo Federalimentare, in una fase recessiva dell'economia se aumenta la pressione fiscale crescono i prezzi, si riducono i consumi e cala il gettito. Continuare a tassare i consumi alimentari, oltre a non produrre gettito per le casse dello Stato, frena le potenzialità del settore in termini di creazione di valore, occupazione e imprenditorialità.

BUROCRAZIA OSTILE

Norme sbagliate

Non ci sono solo le piaghe della contraffazione e delle barriere non tariffarie a frenare il made in Italy. Federalimentare condanna il recente tentativo di modificare la percentuale di presenza di succo nelle bevande a base di frutta: determinerebbe ulteriori aggravi di costo a tutto vantaggio di quelli stranieri. Da qualche mese inoltre è esploso il caso delle etichette "a semaforo" promosse da Londra. Al di là degli obiettivi di combattere l'obesità, è uno strumento che antepone l'effetto del singolo prodotto all'idea complessiva di dieta alimentare. E ostacolano l'export dei nostri prodotti migliori, dal formaggio, ai salumi, al dolciario: bandiere del made in Italy.

CONTRAFFAZIONE

Danni da contraffazione

La contraffazione dei prodotti alimentari made in Italy e il fenomeno dell'italian sounding ci costano 60 miliardi oltre che 300mila posti di lavoro: un danno enorme da contrastare con un'azione a livello internazionale. Anche se i recenti accordi sottoscritti con il Canada e quello, in via di definizione, con gli Stati Uniti (tutela delle nostre denominazioni e abbattimento delle barriere non tariffarie) segnano un passo in avanti nella lotta alla pirateria. Inoltre con la tutela ex officio la Ue consente ai Paesi di intervenire e reprimere le frodi anche su denuncia di cittadini. Il problema è ora di estendere, attraverso accordi bilaterali, queste garanzie a tutti i Paesi.


fonte: ilsole24ore.com

Ufficio Stampa Vinoway > Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.