Log in

Cibo spazzatura limita il senso di sazietà

Letto 365 Email
Mangiare troppo cibo spazzatura farebbe aumentare la fame inibendo il senso di sazietà.

È quanto emerge da uno studio condotto da Stephanie Borgland della University of Calgary. I risultati della ricerca sono stati presentati in occasione del 12esimo meeting annuale del Canadian Neuroscience a Vancouver.

Lo studio, coordinato da Stephanie Borgland della University of Calgary, è stato condotto su un gruppo di topi. Gli animali presi in considerazione avevano libero accesso, 24 ore al giorno per 40 giorni, a cibo altamente calorico, ricco di grassi zuccheri, come cioccolata, dolci e altro "cibo spazzatura".

Lo stato di salute di questi roditori è stato confrontato con quello di un altro gruppo che aveva accesso a questi cibi solo per un'ora al giorno. Al termine dei 40 giorni, i topi sottoposti a 24 ore di dieta basata sul junk food sono diventati obesi e nel loro cervello sono aumentate le sostanze endocannabinoidi, ovvero le droghe naturali dell'organismo.

In corrispondenza dell'aumento degli endocannabinoidi, sono stati registrati un'inibizione del senso di sazietà e un cambiamento dell'attività neuronale in una regione del cervello chiamata corteccia orbito-frontale per la sua collocazione al di sopra delle orbite degli occhi. Questa parte del cervello svolge un ruolo cruciale nel prendere decisioni, anche in merito al cibo.
Nessuna di queste conseguenze, invece, si è vista nei topi che potevano mangiare cibo spazzatura al massimo per un'ora al giorno. In sostanza, proprio i roditori che non dovrebbero aver fame a causa della maggiore assunzione di calorie, risultavano invece essere quelli più propensi a mangiare.

Questa differenza sarebbe causata proprio dal surplus di endocannabinoidi che innescherebbe la motivazione a mangiare ancora, oltre alla sensazione di gratificazione indotta dal consumo di cibi spazzatura.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.