Vendemmia torna alla normalità ma c'è poco vino in cantina

Letto 554 Email
Secondo gli ultimi aggiornamenti del Coordinamento Settore Vino dell'Alleanza delle Cooperative Agroalimentari, che rappresenta il 58% di tutta la produzione vinicola nazionale, la vendemmia torna alla normalità.

Sarà una buona annata con quantitativi nella media e con punte qualitative di particolare interesse.

Cala invece il vino in cantina, circa il 23% in meno rispetto allo scorso anno.

Alleanza fa sapere che:"Quest'anno si avrà una produzione del 15% superiore a quella dello scorso anno, che consentirà all'Italia di mantenere il suo primato mondiale rispetto a Francia e Spagna. Quella del 2017 era stata comunque un'annata particolarmente scarsa, rileva l'Alleanza, con quantitativi ben al di sotto della media, il chè spiega l'incremento a due cifre del 2018 che si registra in quasi tutte le regioni italiane, dal Trentino all'Umbria, dall'Emilia Romagna al Veneto alla Toscana.

Lo scorso anno le giacenze di mosto e vino in Italia erano pari a 46,8 milioni di ettolitri al 31 luglio 2017, molto superiori rispetto al 2018; pur non avendo ancora i dati definitivi, al 31 agosto 2018 sono 36 milioni di ettolitri, di cui 3 di mosto".

Ruenza Santandrea, Coordinatrice del Settore Vino dell'Alleanza, ha così dichiarato:"Pur se l'eterogeneità delle fonti potrebbe dar vita a qualche lieve scostamento si tratta di una considerevole riduzione del vino in giacenza; se i quantitativi vendemmiali sono in qualche modo ritornati alla media, il fatto nuovo è che non abbiamo più tanto vino in cantina".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.