Sicilia: via libera all'utilizzo del sinonimo ‘Lucido’ per Catarratto

Letto 620 Email
I produttori siciliani avranno la possibilità di etichettare con il sinonimo ‘Lucido’ i vini ottenuti dalle varietà Catarratto Bianco Comune e Catarratto Bianco Lucido coltivate nel territorio della Regione Sicilia.

La decisione arriva dopo due anni di trattative portate avanti a livello regionale e nazionale dal Consorzio di tutela vini Doc Sicilia. Interpretando le esigenze dei produttori vinicoli siciliani, il Consorzio si è fatto carico della necessità di trovare un’alternativa al nome ‘Catarratto’, che risultava, specie nei mercati internazionali, di scarso appeal o difficilmente pronunciabile. Da qui la scelta di fare ricorso a ‘Lucido’, termine usato anticamente in Sicilia per indicare entrambe le varietà di Catarratto.

Antonio Rallo, Presidente del Consorzio di Tutela Vini Doc Sicilia, ha così dichiarato:"Siamo orgogliosi dell’ufficialità arrivata dal Ministero. Come Consorzio abbiamo cercato di dare voce a una necessità manifestata non solo dai produttori della nostra denominazione, ma da tutta la regione e per questo siamo felici di sapere che la misura sarà messa a disposizione di tutte le altre Doc e Igp della Regione Siciliana che producono Catarratto. Il via libera del ministero è un segnale che siamo sulla buona strada, il nostro dialogo con il ministero continuerà ad essere proficuo. È infatti in discussione in questo periodo la modifica del nostro disciplinare di produzione che speriamo arrivi nel più breve tempo possibile".

Si legge in una nota del Consorzio:"Così, come da decreto del 21 novembre 2018, ‘Modifiche ed integrazioni al registro nazionale delle varietà di vite’ (18A07626), pubblicato in Gazzetta Ufficiale (Serie Generale n.279 del 30-11-2018), si stabilisce che le varietà Catarratto Bianco Comune e Catarratto Bianco Lucido, iscritti al registro nazionale delle varietà di vite rispettivamente ai numeri 058 e 059, possono essere etichettate con il sinonimo Lucido ai soli fini della designazione dei vini provenienti dalle uve raccolte nella Regione Sicilia.

Le due varietà di uva, Catarratto Bianco Comune e Catarratto Bianco Lucido, con rispettivamente 16.659 e 14.125 ettari rappresentano insieme circa il 30% della superficie regionale vitata e, alla luce di questi numeri, la ratifica del ministero non solo ripaga l’impegno del Consorzio ma lo conferma quale interlocutore chiave nelle richieste e trattative di interesse regionale con il Ministero".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.