Log in

Xylella, Assessore Di Gioia: stanziati 100 milioni di euro

Letto 598 Email
Una ventata di aria nuova sembra che sia entrata nelle stanze del palazzo dell'Assessorato alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia. Dopo le dimissioni dell'Assessore Leo Di Gioia avvenute un mese fa e il riaffidamento dell'incarico da parte del Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il "neo" assessore va ora a vele spiegate considerate anche le condizioni del nuovo mandato e potendo finalmente disporre di uomini e risorse che fanno presagire un rinnovamento della politica in questo importantissimo comparto.
 
Un assessore che, trascurando il politichese, sa parlare al "popolo" e ne accoglie le richieste ed espone in maniera pulita ed esemplare le difficoltà che si sono dovute affrontare fino a questo momento.

Oggi si è tenuta la conferenza stampa sul problema, ormai noto a livello nazionale ed internazionale, della Xylella, toccando anche tematiche sui Vivaisti, sui Consorzi di Bonifica e sul Psr che è al vaglio del Tar e che entro pochi giorni dovrà esprimere parere in merito.

L'Assessore Di Gioia ha così dichiarato:"Gli agricoltori hanno tutte le ragioni per essere adirati con gli uffici della Regione e anche per i provvedimenti nazionali perché ricade su di loro una burocrazia ed una serie di impedimenti che nulla hanno a che vedere con i lavoro che svolgono, ma che sono indirettamente il riflesso delle attività connesse alle questioni della xylella.

Io chiedo ai nostri uffici di valutare quanto prima ciò che gli agricoltori-vivaisti chiedono. Ovviamente la politica non può interferire sugli atti gestionali amministrativi, ma è necessario uno studio sulla legge regionale che abbiamo scritto per aiutare il nostro comparto. Abbiamo ottenuto da Bruxelles la possibilità di movimentare le piante all'interno dell'area infetta da xylella, in maniera ininfluente dallo sviluppo e dal propagarsi della malattia.

E' necessario che i nostri uffici autorizzino questa pratica così come dobbiamo attivare le deroghe per far in modo che i vivai che sono in regola possano esportare le proprie piante, così come abbiamo fatto con la questione dell'uva con la termoterapia che ci dato la possibilità di commercializzare le barbatelle. Stiamo definendo il secreto xylella, il giorno 12 è convocata la conferenza degli assessori regionali ed il giorno 13 abbiamo la Conferenza Stato-Regioni in cui depositeremo il parere favorevole sul decreto.

Un Decreto che abbiamo leggermente modificato grazie alla collaborazioni con le associazioni e considereremo l'uso dei 100 milioni di euro messi a disposizioni dal ministro Centinaio, per noi una grande opportunità che utilizzeremo per la rinascita del potenziale produttivo e saranno destinati anche ai vivaisti, ci sarà un piano di comunicazione per spiegare come il nostro olio è buono e questo è un argomento che interessa tutta la Puglia non solo quella agricola".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.