Arriva la Cocktail Week: tappa in Abruzzo per la rassegna della Mixology

Letto 712 Email
Per una settima andrà in scena il rinomato festival che, dopo Firenze, Roma, Bologna e Torino, celebrerà l'arte della miscelazione in Abruzzo.

La Cocktail Week  nasce come progetto di aggregazione dei bartender abruzzesi ed è improntato ad accrescere l’attenzione e la qualità verso questo settore. In tal senso avranno luogo delle masterclass con importanti nomi nazionali e internazionali.  L’evento si svolgerà da oggi 15 luglio a domenica 21 luglio, con chiusura nel Lido Aurora di Pescara.

L’Abruzzo Cocktail Week è un’iniziativa diffusa in cui partecipano: per Pescara Fuori Uso, La Nuova Lavanderia, White Cliff, Mila, Blind Pig, Different; per Chieti  Bar Roma di Vasto; per Teramo Bolla di Roseto degli Abruzzi e per L’Aquila Public Enemy. Ognuno di questi locali avrà il suo cocktail di rappresentanza che vede l’utilizzo di un ingrediente tipico abruzzese o di un distillato a marchio abruzzese oppure una preparazione home made con un prodotto tipico regionale.

Per l’organizzazione della Cocktail Week i bartender hanno dato vita all’associazione B.A.R. (Bartenders Abruzzesi Riuniti). Il presidente è Manuel Di Vittorio del Mila, il tesoriere Luca Giuliano co-titolare del Mila, e il segretario Emanuele Falone da anni nel settore degli Spiriti. Gli altri membri dell’associazione, al momento, sono i titolari dei locali aderenti alla kermesse.

L’abbinamento dei cocktail con i prodotti gastronomici regionali costituisce un valore aggiunto che dimostra l’evoluzione del mondo della miscelazione,  attento alle risorse territoriali. Ne è un esempio il riuscito abbinamento della ventricina vastese Fattorie del Tratturo con un cocktail appositamente creato da Anthony Ventrella.

L’Abruzzo Cocktail Week sarà un’occasione per trarre tanti spunti e confrontarsi con figure di spicco come  Ivan Orsini, Cristian Silenzi, Mauro Colombo,  Maurizio Andriani, Edward Balan, Manuel Marignetti, Giacomo Sai, Domenico Di Bucchianico,  Ivan di Giovanni, Riccardo Lupacchini,  Francesco Spenuso, Vittorio D’Alberto.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.