Vino adulterato venduto come prodotto di qualità: 61 indagati

Letto 455 Email
Continua l'inchiesta "Ghost Wine" che aveva portato all'arresto di 11 persone e 30 indagati a causa dell'adulterazione del vino, venduto in Italia e all'estero come prodotto di qualità.

Una delle modifiche è quella della fermentazione alcolica di miscele di sostanze zuccherine ottenute da barbabietole e da canne da zucchero.

I fatti, avvenuti in Puglia e in altre località italiane.

Sono 61 gli indagati per i quali la Procura di Lecce ha chiuso le indagini preliminari e si prepara a chiedere il giudizio.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.