Mariano Murru: Giù le mani dal Cannonau di Sardegna

Letto 649 Email
Assoenologi Sardegna, attraverso il suo Presidente Mariano Murru, fa sapere che i principali vitigni sardi sono in "pericolo" a causa di una norma europea.
 
Parliamo di Cannonau, Nuragus di Cagliari, Nasco, Semidano e Girò.

Se questa norma europea dovesse essere accettata, molte regioni d'Italia avrebbero il consenso di utilizzare i semi dei vitigni tipici della Sardegna per poterli impiantare nella propria zona, causando danni sia a livelli economici che territoriali alla Sardegna.

Assoenologi Sardegna, per far conoscere a tutti questa situazione, sta organizzando una webinar in programma il 21 luglio 2020 intitolata "Adeguamento Normative Comunitarie e possibili ricadute sui vini a Denominazione di Origine Protetta della Sardegna, alla quale parteciperanno esperti italiani in campo legislativo, l'Assessore regionale all'agricoltura, il Dipartimento di Agraria di Sassari, i Consorzi di Tutela, gli enti regionali di ricerca e formazione, Associazioni di categoria, Sommelier e stampa.

Mariano Murru fa sapere che l'obiettivo è quello di evidenziare all'opinione pubblica i rischi ai quali la Regione Sardegna andrebbe in contro se le nuove normative europee dovessero essere applicate.

Vinoway seguirà con molta attenzione l'evoluzione della vicenda, come è già accaduto per il Primitivo di Manduria e di Gioia del Colle.
Ultima modifica ilMartedì, 21 Luglio 2020 08:12

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.