Assoenologi, Ismea e UIV: Vendemmia 2020 si preannuncia interessante

Letto 377 Email
Assoenologi, Isema e Unione Italiana Vini fanno sapere che l'annata 2020 si preannuncia interessante grazie alla buona qualità delle uve che, per alcuni casi, sfiora l'eccellenza.

Per quanto riguarda la quantità si conferma in linea con quella del 2019, ovvero -1% a 47,2 milioni di ettolitri.

Gli analisti fanno sapere che:"La produzione risente della congiuntura economica e della conseguente misura di riduzione volontaria delle rese messa in campo dal Governo e da quelle operate da molti Consorzi di tutela, dovrebbe tuttavia consentire all'Italia di rimanere il principale produttore mondiale di vino, seguita dalla Francia con 45 milioni di ettolitri e dalla Spagna con 42 milioni".

La Ministra delle Politiche Agricole, Teresa Bellanova, ha così dichiarato:"I dati sono abbastanza incoraggianti, almeno sotto il profilo della qualità. Sono al vostro fianco, cosi come le strutture del Ministero e come dimostrato in particolare nella fase di emergenza con manifestazione di disponibilità. L'export andava bene e il consumo era soddisfacente. L'emergenza ha modificato il tutto, abbiamo preso misure specifiche, condivise con filiera e regioni.

Per il futuro la nostra prossima sfida è sull'internazionalizzazione e sull'export. Per questo ho scritto al ministro Di Maio per la riapertura di un tavolo sul vino con l'Ice e il ministero degli Esteri dopo il trasferimento di competenze dal ministero dello sviluppo economico".

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.