Dl liquidità, Pd: banche e istituzioni parlano lingue diverse

Scritto da | Pubblicato in press-news Dl liquidità, Pd: banche e istituzioni parlano lingue diverse

“In questo momento, sulla questione dei finanziamenti alle imprese e professionisti, istituti bancari e istituzioni parlano due lingue diverse. Questo stallo va superato al più presto”.
È quanto chiedono, in una interrogazione urgente al Ministro dello Sviluppo economico e al Ministro dell’economia e delle finanze, Dario Stefàno, vice presidente dei senatori Pd e Luciano D’Alfonso, vice presidente della Commissione d’inchiesta sul sistema bancario secondi cui il dl liquidità con i prestiti garantiti dallo Stato non si sta dimostrando efficace perchè “banche e istituzioni parlano linguaggi diversi”.

“L’obiettivo della ripartenza del sistema produttivo – aggiungono i due senatori dem – necessita di ulteriori iniziative utili a superare un’impasse che rischia di pregiudicare la tenuta e la ripresa del tessuto economico del Paese”.

Il decreto legge n. 23 dell’8 aprile 2020 (dl liquidità, ndr), ricordano Stafàno e D’Alfonso, ha trasformato il Fondo di Garanzia per le pmi in uno strumento capace di garantire fino a 100 miliardi di euro di liquidità, l’intervento del Fondo è concesso senza valutazione per i nuovi finanziamenti a pmi e professionisti penalizzati dall’emergenza COVID-19, fino a 25 mila euro, con copertura pari al 100 percento in garanzia diretta. “Nei fatti – sottolineano i due senatori del Pd – però, così non è.

In tutti i documenti ufficiali si specifica che, a meno che ci siano posizioni classificate come sofferenze e il richiedente non sia segnalato per esposizioni deteriorate prima del 31 gennaio 2020, una volta inserita la domanda, per questo tipo di prestiti, non viene effettuato alcuna valutazione da parte del Fondo su soggetto richiedente e banca erogante. Inoltre l’Abi ha precisato che questi finanziamenti non possono essere utilizzati per compensare prestiti preesistenti.

I fatti ci dicono, però, tutt’altro – concludono -, per questo chiediamo urgentemente che i Ministeri competenti predispongano ulteriori e urgenti iniziative”.

Comunicato Stampa

Tag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *