Essentia Loci: la vite, la pietra, la storia, l’identità

Scritto da | Pubblicato in press-news Essentia Loci: la vite, la pietra, la storia, l’identità

Essentia loci: due parole per dire l’anima e il corpo – letteralmente – di un vino, ma anche il suo radicamento alla terra e all’identità in divenire di un territorio e della sua gente.

 
L’etichetta del Primitivo di punta di Ognissole, nato dalla tenuta di 50 ettari sui terreni argillosi e calcarei della cantina savese, presta le insegne al convegno “Essentia loci – la vite, la pietra, la storia, l’identità” che si terrà a partire dalle 10,30 del 17 dicembre 2016 presso il Cinema Vittoria a Sava, in provincia di Taranto.

Non solo giri di bicchiere, nè conta dei tannini o riflessioni oziose sulle sorti enologiche della regione, ma un dibattito a più voci animato dall’ambizione di svelare connessioni fra gli artigiani della terra e la materia, fra il lavoro e l’idea che sostiene le architetture materiali e immateriali dei luoghi, raccordando il passato remoto al presente e provando a indovinare e costruire il futuro.

Ideatore e curatore del convegno Danilo Giaffreda, architetto, gastronomo e firma del blog Il ventre dell’architetto. “Essentia Loci, nome dello splendido cru di Ognissole, è concetto astratto e concreto al tempo stesso che condensa in maniera univoca un insieme di valori che partono da lontano e arrivano intatti sino a oggi, grazie al lavoro e alla passione dei tanti che, spesso nell’anonimato, ne hanno garantito la continuità e l’evoluzione”.

L’obiettivo del convegno è dunque quello di ricomporre i ranghi di chi con il lavoro ben fatto, con lo studio, con la passione e con l’esperienza è parte attiva e testimonianza di questa identità. Chiamati a svelare l’essenza dei luoghi, in un caleidoscopio di prospettive convergenti saranno il professore e studioso di cultura locale Mario Annoscia, la scrittrice e autrice di “Pietre del Salento” (edizioni Grifo) Rossella Barletta, Antonio Buccoliero, vendemmiatore, Nico Bello, cantiniere, Antonio Greco, medico e studioso della storia del paesaggio agrario tarantino, Massimiliano Saracino, architetto e Pierpaolo Sirch, agronomo della cantina Ognissole.

“La politica imprenditoriale che sostiene il lavoro nelle cantine e nelle terre di Ognissole è ispirata al più intimo rispetto di un territorio tradizionalmente vocato alla coltura e cultura del Primitivo”, spiega Matteo Santoiemma, direttore generale dell’azienda vinicola, “proviamo ad essere testimoni attivi di come saper fare e comunicare possano riportare all’evoluzione e alla promozione di un territorio”.

Dalle parole ai fatti, dall’idea al prodotto. Al termine del convegno relatori e ospiti saranno invitati a degustare Essentia loci, il primitivo di punta della cantina Ognissole accompagnato da un paniere selezionato di prodotti del territorio.

Comunicato Stampa Ognissole

Tag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *