I Migliori Vini della Settimana

Scritto da | Pubblicato in recensioni, vino I Migliori Vini della Settimana

Segue la Rubrica “I Vini della Settimana della Vinoway Wine Selection” dedicata esclusivamente ai Migliori Vini d’Italia premiati e selezionati da Vinoway Italia, curata dal Presidente Davide Gangi e dal vice curatore Enotecnico Antonio Scatigna.

La Rubrica, in pubblicazione ogni venerdì del mese, comunica 7 vini che si sono distinti per essere il Miglior Vino d’azienda facente parte del circuito Vinoway Wine Selection.

Ad ogni vino selezionato corrispondono le relative indicazioni tecniche, punteggio e recensione.

Per approfondire il dettaglio Cantina e scoprire tutti gli altri vini premiati e recensiti è possibile scaricare l’App Vinoway Wine Selection in free-download per Apple e Android.

I Migliori Vini della Settimana del 03/06/2022:

MORGANTE Don Antonio Riserva Rosso vol. 15.0% DOC Sicilia 2018 (96 punti Stella)

Rosso rubino, elegante nei riflessi che virano dal violaceo al granato. L’olfatto si dimostra elegante nelle percezioni quasi piccanti. Il pepe nero è vigoroso e vira in un peperoncino appena spaccato al naso. Il mirto gioca in un ricordo di cuoio da mastro artigiano. Un’affascinante nota senapata raggiunge dei tocchi da liquore artigianale al mallo di noci ed alloro. Finale da erbe aromatiche da tè nero. Al sorso si propone di elegantissima manifattura. Il tannino è setoso e nella sua avvolgenza richiama il ginseng, la liquirizia ed il mentolo. Fresco e dinamico, propone un corpo elegante e di pregiata persistenza.

MONTECAPPONE Utopia Bianco vol. 14.0% DOCG Castelli di Jesi Verdicchio Classico Riserva 2018 (93 punti)

Giallo paglierino dai riflessi oro bianco. All’olfatto emergono gradevolissime percezioni di cocco che virano in mandorle in acqua dolce. Il tabacco è finissimo, anch’esso in tostatura dolce. Le spezie sono affascinanti nei ricordi di pepe bianco e noce moscata. Il mentolo sembra caratterizzare una caramella alla liquirizia. Una traccia fumè riprende un elegante e stuzzicante ginseng. Affasciante nelle note saline che richiamano il ciotolo di fiume. Dopo qualche roteazione emerge un curiosissimo tocco da torrone bianco, croccante e pronto da addentare. Al sorso propone una gradevolissima struttura. La freschezza si distingue in note che ricordano il frutto delle pomacee in pregiate mele e pere. Le percezioni olfattive ritornano al gusto, con grande lode. Lungo e di magistrale manifattura.

NINO NEGRI 5 Stelle Sfursat Rosso vol. 16.0% DOCG Sforzato di Valtellina 2018 (97 punti Stella)

Rosso rubino, di grandezze eleganza e luminosità nei riflessi granati. L’olfatto si dimostra prestigioso nelle percezioni da nobile digestivo alle erbe di montagna. L’eucalipto raggiunge delle sfumature sensoriali che implodono verso un mentolo di grande balsamicità. La frutta secca racconta di un pregiato macerato di mallo di noci, accompagnato da sambuco, tiglio ed anice stellato. Delle singolari percezioni da miele di castagno ricoprono un cuore da bastone di liquirizia, spolverato da cannella e sandalo. Il mirto sfiora dei ricordi piccanti, appena senapati. Il tabacco assume un’aromaticità orientale, quasi a rimembrar il narghilè. Le castagne, sul finale, materializzano un’avvolgente crema di marroni. Il sorso gode di un’esemplare freschezza che sintetizza ogni singola percezione olfattiva. Il tannino è aristocratico, elegante, morbido e romanticamente invitante. Il sandalo ed il ginseng appaiono al gusto e custodiscono un cuore mentolato. Il corpo offre un’elasticità diretta all’emotività sensoriale. Caldo e coinvolgente si dimostra interminabile nelle superlativa persistenza.

POMODOLCE Grue Bianco vol. 15.0% DOC Colli Tortonesi 2019 (93 punti)

Giallo paglierino dai riflessi oro, carichi e luminosi. L’olfatto si pronuncia verso delle fini percezioni di fieno in essiccamento. Il tabacco chiaro si esprime lodevole e sembra richiamar un vigoroso anice. La percezione da sambuco è evidente, singolare nella sua originalità. Le note di cumino proseguono nella preziosa evoluzione e sintetizzano una chiave balsamica da mentuccia selvatica. La liquirizia ricorda una girella piacevole e coinvolgente. Sul finale appare una pregiata percezione da semi di finocchietto selvatico. Il sorso dimostra una complessità sviluppata in una vibrante freschezza. La seconda battuta esprime un corpo saldo, tenace e particolarmente robusto. Le percezioni olfattive vengono confermate in piena armonia. Lungo e caldo.

TENUTA CAVALIER PEPE La Loggia del Cavaliere Riserva Rosso vol. 14.5% DOCG Taurasi 2014 (96 punti Stella)

Rosso rubino, cupo e fitto nei riflessi granati. L’olfatto si dimostra di grande complessità. Il mentolo raggiunge un epicentro affascinante, da liquore da mentuccia selvatica. La balsamicità è esplosiva, vigorosa in tutte le percezioni che richiamano le erbe aromatiche da tè verde e nero. La frutta secca si distingue in un pot-pourri ricco in floreale dolce. L’anice è anch’esso pieno nei ritorni da liquore artigianale. Un finale da girella da liquirizia si dimostra sensuale ed accattivante.

Al sorso gode di una struttura particolarmente complessa. Il tannino è piacevolmente asciutto e richiama anch’esso una lodevole traccia mentolata. La freschezza è un caposaldo di indistruttibile struttura. Un vino compatto, deciso ed allo stesso tempo elegante nella lunghissima persistenza.

ANTONUTTI “Sauvignon” vol. 12.5% DOC Friuli 2020 (93 punti)

Di colore giallo dorato intenso e luminoso. Un vino di medio corpo, morbido e di nitida eleganza. Al naso spiccano sentori che ricordano la salvia, l’albicocca matura, la frutta gialla matura e impreziosito da lievi accenni del frutto della passione. In bocca il sorso è agevole, sorretto da una buona freschezza che rinvigorisce la beva. Un Sauvignon blanc davvero interessante, pieno e ricco di sensazioni suadenti che si concludono con una chiusura di bocca sapida che rende questo vino affascinante e di lunga progressione.

TENUTA PETRA BIANCA Cannonau di Sardegna Rosso vol. 14.5% DOC Cannonau di Sardegna 2020 (92 punti)

Rosso rubino, luminoso nei riflessi violacei che tendono al granato. L’olfatto esprime grande complessità. Delle singolari percezioni senapate giocano in un mix da macchia mediterranea, infuse in pregiata macerazione. L’alloro ed il mirto offrono una viva dimensione, potente e lussureggiante. La parte del frutto richiama delle amarene particolarmente carnose, macerate sotto spirito con anice stellato. Al sorso offre grande eleganza. Le spezie olfattive sono di grande ritorno. Corpo fine, dalla freschezza che riporta alla liquirizia e dal tannino pieno ed ammaliante. Lunga persistenza, di grande equilibrio ed eleganza.

Tag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.