I Migliori Vini della Settimana

Scritto da | Pubblicato in recensioni, vino I Migliori Vini della Settimana

La Rubrica, in pubblicazione ogni venerdì del mese, comunica 7 vini che si sono distinti per essere il Miglior Vino d’azienda facente parte del circuito Vinoway Wine Selection, premiati e selezionati da Vinoway Italia, nella selezione curata dal Presidente Davide Gangi e dal vice curatore Enotecnico Antonio Scatigna.

Scarica l’App Vinoway Wine Selection in free-download per Apple e Android per scoprire tutti gli altri vini premiati e recensiti.

I Vini della Settimana della Vinoway Wine Selection” del 18/03/2022.

ARNALDO CAPRAI Collepiano DOCG Montefalco Sagrantino 2017 (97 punti Stella)

Rosso rubino, cupo e fitto nei riflessi granati. L’olfatto si dimostra di grande complessità e richiama delle fascinose noci brasiliane accompagnate da un pregiato caffè appena servito. L’anice è vigoroso, praticamente piccante nelle sfumature da peperoncino e pepe nero. Un pregiato liquorino artigianale si concede alla senape e richiama l’anice stellato in compagnia di un’infuso da mallo di noci. Il tabacco assume una percezione da pipa, antica e d’altri tempi. Il sorso si dimostra di grande dinamicità, eleganza e complessità. La freschezza è un caposaldo attivo e tenace. Il tannino gode di un corpo deciso ed allo stesso tempo di estrema eleganza. Le spezie ritornano e riprendono un pregiato sandalo con ritorni da ginseng. Le percezioni calde son completamente avvolgenti, di estrema eleganza nell’infinita persistenza.

AZIENDA VITIVINICOLA MARULLI Tenuta Paraida vol. 12.5% DOP Copertino 2020 (93 punti Oro)

Rosa corallo, luminoso nei riflessi diadema rosa. L’olfatto si dimostra elegante nelle percezioni di piccoli frutti rossi ricoperti da un pregiato mentolo. Un elegantissimo ricordo da zafferano riprende il pepe rosa, carezzevole e dinamico. Le fragoline del sottobosco sembrano richiamar una scia sapida da grafite di mina. Il mirto gioca con ricordi di giglio e succo di melagrana. Al sorso offre una vibrante freschezza che richiama delle ciliegie appena addentate. I ritorni da melagrana sono evidenti ed accattivanti. Corpo avvolgente che crea un vortice sinuoso tra verticalità e rotondità.

BARONE DI SERRAMARROCCO Quojane di Serramarrocco vol. 13.0% IGP Terre Siciliane 2020 (96 punti Stella)

Giallo paglierino dai riflessi oro bianco. L’olfatto offre un’eleganza singolare ed affascinante. Le note aromatiche sono lodevoli e richiamano il passion fruit, il mango e le percoche sciroppate. Nella succosità dei frutti esotici emergono originalissime percezioni balsamiche che riprendono il miele di castagno, goloso ed accattivante. Il propoli è evidente e ricorda il tiglio e la mentuccia selvatica dolce. Al gusto esprime una potenza di estrema eleganza. Il gioco gustativo si evidenzia nella classe di un aromatico secco che non sbaglia il tiro verso l’originale percezione da anice e bastone di liquirizia. Il sambuco appare al gusto evocando una freschezza avvolgente e balsamica. Un vino prezioso, paradossalmente anche ricco in sapidità. Un aromatico secco che si contraddistingue in classe e pregiata manifattura.

BACCHERA Coru Mannu DOC Carignano del Sulcis 2019 (96 punti Stella)

Rosso rubino dagli eleganti riflessi granati. L’olfatto racconta di macchia mediterranea con percezioni di mirto, pepe nero e sandalo. Il frutto si evidenzia in more e gelsi neri, virando poi in ginseng ed anice. Un ricordo di mentolo si dimostra estremamente affascinante e rappresenta la chiave di lettura balsamica. Un tocco di liquirizia dolce affonda dei semi di finocchietto selvatico. Una sfumatura da sambuco rende l’approccio olfattivo decisamente raro e straordinario. Al sorso si distingue in una pregiatissima nota balsamica che avvolge sensualmente il palato. Ritorni di eucalipto, ginseng e mentolo manifestano una lodevole morbidezza che propone una freschezza dinamica ed in continua evoluzione. Il tannino è jazzista e suona singolari note che manifestano l’originalità del vino. La macchia mediterranea avvolge note di cioccolatino “After Eight” con cuore mentolato. La persistenza si dimostra così fine da ricreare un riverbero lungo e carezzevole.

CA’ APOLLONIO Treseinove vol. 13.0% IGT Veneto 2020 (93 punti Oro)

Giallo paglierino dagli elegantissimi riflessi oro. L’olfatto gode di percezioni di grande originalità e complessità. Note granitiche sembrano evidenziare il ciotolo di fiume con ricordi di felce ed incenso. Affascinanti note fumè propongono un tabacco bianco, ad inizio tostatura. La frutta secca sintetizza delle mandorle bianche in acqua dolce con piccoli tocchi di cocco fresco. Al sorso gode di una pregiata freschezza che si allarga in una rotondità avvolgente e decisamente complessa. Le spezie emergono al gusto e suggeriscono tamarindo e noce moscata. Elegante ed affascinante si concentra in una lunga persistenza.

CANTINA SCUROPASSO Roccapietra Brut vol. 12.0% DOCG Oltrepò Pavese 2015 (96 punti Stella)

Giallo paglierino dagli elegantissimi riflessi oro bianco. L’olfatto si riconduce ad una complessità esemplare. Il frutto si evidenzia in ricordi di mele e pere. I ritorni sottolineano un’elegante purea di pomacee che avvolge completamente l’olfatto. Le spezie giocano in timo, pepe bianco, salvia, anice stellato e sambuco. Un tocco di liquirizia accarezza l’olfatto e vira in stuzzicanti note sulfuree che impreziosiscono la continua evoluzione olfattiva. Al sorso riprende la lodevole complessità manifestando una bolla sottile ed energica. Le spezie si ripresentano in chiave balsamica, supportate da una freschezza ammaliante. Lunga persistenza in un pizzico di cedro candito finale.

CANTINE IMPERATORE Primitivo Passito 2020 (96 punti Stella)

Rosso rubino luminoso nei riflessi violacei. L’olfatto si dedica a preziosissime note che richiamano un mix di frutta rossa dolce e succosa. Lo zucchero a velo è affascinante e rosa nelle riprese da fragoline dolci. Un tocco da nocino impreziosisce ricordi da liquorino artigianale. Il ginseng dolce è vivo e suggerisce un ritorno da piccoli frutti rossi. Delle singolari note di anacardi e noccioline ricreano dei ricordi da confetti alla amarene. Il sorso propone una dolcezza esemplare, piacevolissima e si integra ad una lodevole freschezza che crea una coinvolgenza sensoriale decisamente ammaliante. Il tannino è succoso e riprende le note da confetti alle mandorle. Malizioso e di grande fascino, richiama un plurimo sorso, senza fine.

Tag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *