Il Metodo Classico di Andrea Luchetta: Vignaiolo pensante e portatore di “agricultura”

Scritto da | Pubblicato in recensioni Il Metodo Classico di Andrea Luchetta: Vignaiolo pensante e portatore di “agricultura”

Sono sempre più sicura che tra un vino e il suo produttore ci possa essere un legame profondo e percepibile. Parlando con Andrea Luchetta me ne sono convinta ancora di più: un giovane serio ed energico, pacato ma di carattere, elegante nei modi e nel parlare.

 
E proprio così si presentano i suoi spumanti Metodo Classico: decisi, “muscolosi”, ma anche fini ed eleganti, perfetta espressione della mineralità del territorio trentino. Un territorio che dà grandi spumanti, ancora poco conosciuti al grande pubblico.

Un Brut Riserva e un Pas Dosé Riserva con affinamento di 40 mesi sui lieviti, entrambi prodotti con sole uve chardonnay.

Con la loro bella freschezza e sapidità tipiche di quelle zone, i profumi floreali e fruttati con note evolutive, la “sensazione di forza” e la lunga persistenza in bocca, non possono passare inosservati.

Il prezzo di €22,00 presso la cantina mi sembra corretto.

Bellaveder è un’azienda che può contare su una squadra tutta giovane (intorno ai 30 anni!), perché “è finita l’epoca dei grandi vecchi che pensavano di essere ognuno il migliore e dal parere indiscutibile”.

Giovane l’enologo e agronomo Luca Gasperinatti, giovani i due fratelli Andrea e Marco Luchetta, che pur provenendo da corsi di studio di tutt’altra natura si sono appassionati alla conduzione dell’azienda di famiglia.

E come non appassionarsi, quando ci si trova immersi in un paesaggio incantevole come questo?

A due passi dalla piana Rotaliana, 8 ettari di vigneti curati e ordinati circondano il Maso Belvedere a circa 300 metri d’altitudine.

Altri 4 ettari si trovano verso la Valle dei Laghi.

Un’ottima posizione, quindi, che gode sia di una grande escursione termica tra notte e dì, sia della ventilazione dell’Ora del Garda, quel vento che soffia costantemente da Sud verso Nord e che favorisce la sanità delle uve.

Tutto ciò per produrre -oltre a degli ottimi vini fermi- non più di 10.000 bottiglie di Metodo Classico, con remuage manuale.

Una piccola anticipazione: il prossimo anno se ne aggiungerà un altro, un Rosé da pinot nero che vedrà la sua prima sboccatura in agosto.

Tag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *