CHAMPAGNE PANNIER “EXACT” EXTRA-BRUT

Scritto da | Pubblicato in champagne CHAMPAGNE PANNIER “EXACT” EXTRA-BRUT

Chi ha visitato la Champagne ricorderà senz’altro le caves sotterranee.
Nella regione vi sono infatti più di 250 km di gallerie che si snodano anche fino ad una profondità di 40 metri: alcuni tratti risalgono addirittura all’epoca gallo-romana, periodo in cui ricavarono delle cave al fine di reperire materiali da costruzione e che poi vennero adibite a cantine. Proprio questo fece nel 1899 Louis-Eugène Pannier, quando decise di spostarsi da Dizy a Chateau-Thierry per fissare la dimora della sua bottiglie nei cunicoli che erano stati scavati dal Conte di Champagne Hugues Lambert per ottenere le pietre necessarie per edificare fortificazioni.
Ed ancora oggi le bottiglie della maison Pannier qui riposano, ad una temperatura di circa 10° che è anche, curiosamente, la stessa che in media si registra nella regione. Un tratto tipico dell’azienda è costituito dal fatto che tutte le cuvée scaturiscono dal blend dei tre vitigni classici: in questo caso dunque il tratto della maison è modellato dall’arte dell’assemblage celebrata all’ennesima potenza, e osservata come un comandamento. Il tutto è declinato secondo il motto aziendale, mutuato dagli arcieri, ”Ad perfectionem intendere”: una ricerca quindi dell’assoluta eccellenza, dalla selezione delle uve fino alla vinificazione ed all’affinamento.
Oggi parliamo di un vino che ho trovato particolarmente rappresentativo del gusto di tutta la gamma.

CHAMPAGNE PANNIER “EXACT” EXTRA-BRUT
L’uvaggio prevede 40% Chardonnay, 30% Pinot Noir e 30% di Meunier, il dosaggio è di 2,5 g/l e la sosta sui lieviti è di almeno 60 mesi. Ho degustato il vino in formato Magnum, una delle 1.500 bottiglie numerate prodotte(di cui in Italia ne vengono importate 120): in questo caso la sosta sui lieviti è di 72 mesi minimo. La nuance è oro chiaro, mentre la palette dei profumi gioca sui toni del bianco, a partire da sentori floreali di acacia fino a susina Claudia e pesca bianca.
Il dress code candido prosegue in bocca, dove l’incessante freschezza risulta accompagnata da evidenti note iodate che progressivamente dipingono un’atmosfera da mare d’inverno. Perfetto insieme alle ostriche, ma anche a tutto pasto per gli amanti dei dosaggi bassi.

(Prezzo medio in enoteca: euro 50,00 – euro 120,00 il formato Magnum)

Tag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *