Joe Castellano uno dei più Grandi personaggi del Blues/Soul a VINOWAY

Scritto da | Pubblicato in arte Joe Castellano uno dei più Grandi personaggi del Blues/Soul a VINOWAY

DAVIDE GANGI intervista Joe Castellano.
Blues & Wine Soul Festival è un grande evento eno-musicale , per far conoscere attraverso due grandi linguaggi internazionali quali MUSICA e VINO.


Il connubio col mondo del Vino espresso nel nome che titola l’evento, riporta e lega questo genere di musica e questo stile di vita, ad una realtà tipicamente italica, espressione di un modus aggregandi, di una cultura e di una tradizione dello stare insieme.

Sono felice di presentare agli amici di Vinoway il fondatore Angelo Castellano in arte Joe Castellano. Persona che ammiro e stimo per le sue doti musicali e non solo. Chi lo conosce può apprezzarne la sensibilità e la determinazione. Recensito sulle maggiori riviste di ogni continente come uno dei nuovi maggiori Band Leader e compositori del Blues&Soul, i suoi brani sono stati trasmessi da radio e network di svariati Paesi, riscuotendo sempre un grandissimo successo. Joe Castellano è ormai riconosciuto, anche dai migliori artisti USA, come uno dei più grandi personaggi del Blues italiano ed europeo.
Nei suoi ormai sedici anni di attività sulla scena Blues, Joe è stato in concerto o ha ospitato nella Band alcuni dei più grandi nomi del panorama Blues&Soul mondiale, tra i quali:  The Blues Brothers, The Holmes Brothers, Johnny Adams, Sherman Robertson, Eddie Floyd, Sugar Blue, Al McKay, Chris Cain, Pee Wee Ellis, Lenny Castro, Gavin Christopher, Bruce Conte, sax Gordon Beadle, Roberto Ciotti , Roy Roberts, James Senese, Arthur Miles, Steven Logan, Derek Martin Simone De e tantissimi altri… Ha aperto anche tutti i concerti nei tour italiani di: SOLOMON BURKE (1994), THE BLUES BROTHERS (1995 e 2003), CHARLIE MUSSEL WHITE (2004) e dei mitici EARTH WIND & FIRE by Al McKay (nel 2006 e 2007).

Gentilmente e con disponibilità mi ha concesso l’intervista

Da cosa nasce il tuo Blues & Wine Soul Festival ?

Blues & Wine nasce dalla mia anima, dalla mia terra e dalle mie passioni … Nei mesi estivi andavo a villeggiare nella mia amata C.da Noce – vicino Racalmuto – terra di grandi vini e di intensi sapori . Io stesso curavo, con la guida del grande zio Carmelino, la vendemmia, la pulizia delle botti ed il percorso di quel mosto che diventava vino .
Gli stessi sapori e profumi, sono stati decantati in tanti libri dal mio leggendario amico scrittore e vicino di casa, Leonardo Sciascia, che proprio nel suo studio di C.da Noce, partorì tanti celebri suoi capolavori .
La mia passione per la musica, invece, che fin da quando avevo cinque anni mi portava a suonare un vecchio pianoforte di mia madre, mi fecero scoprire che istintivamente tendevo a suonare quel genere sentito sui dischi dei miei fratelli maggiori, che era il Blues …
Mettere insieme Blues e Wine, quindi non è stato altro che mettere insieme due componenti della mia storia, che alla fine sono due grandissimi linguaggi internazionali che fanno dialogare popoli di ogni dove e di ogni estrazione .

Il rapporto Vino-Cultura è sempre divenuto crescente negli ultimi anni … Pensi sia ancora un binomio che può crescere ?

Io penso di si … Alla fine mi rendo conto, quantomeno in Sicilia, che solo poche Aziende hanno capito e sviluppato seriamente questo binomio, concentrandosi sulle potenzialità che esso avrebbe a livello di marketing …
Ricordo che il “padrino” del mio Festival, fu il grandissimo Gino Veronelli, al quale illustrai il progetto prima di partire e dal quale ricevetti la sua più ampia benedizione e approvazione . Diventammo immediatamente grandissimi amici e la sua perdita mi rattristò moltissimo .
Mi diceva sempre, che negli ultimi tempi non sapeva lavorare nel suo studio di Bergamo, se in sottofondo non ascoltava il mio Blues . Che genio, che era Gino ….
Il Vino ha bisogno della cultura per proporsi, per fare conoscere la propria storia e la storia del territorio da cui proviene … La gente vuole sempre più conoscere le origini di un prodotto e sognare attraverso la sua storia … Solo la manifestazione culturale, che aggrega tante persone e che attira l’interesse di una bacino ancora più grande di possibili conoscitori, può davvero aiutare soprattutto quelle piccole-medie aziende che non hanno grossissimi fondi per la comunicazione .

Sappiamo che il Festival ha organizzato negli anni scorsi degli importanti seminari.. Quale pensi sia stato il più interessante ?

Ma, senza dubbio, penso che quello che ho voluto a tutti i costi sei anni fa sulla “influenza degli sconvolgimenti climatici sulla qualità dei vini e dei vitigni”, sia stato un vero successo .
Il grandissimo Prof. Tachis, ci venne a fare una mirabile illustrazione di quello stava succedendo a livello nazionale ed internazionale in merito, confortato da professori di meteorologia presenti alle conferenze, e noi fummo veramente felici del suo prezioso e preciso contributo . Peccato che tanti enologi siciliani non approfittarono di quella lectio magistralis. Gli sarebbe servito …
Lo stesso Tachis, ricordo, ci tenne a complimentarsi con me, perché il Blues & Wine Soul Festival era uno dei primissimi soggetti/eventi che affrontava quell’interessantissimo tema a livello internazionale .

Anche una campagna sociale lanciata dal Blues & Wine dal 2007, per la sicurezza stradale e contro gli abusi alcolici .

Si, dal 2007 abbiamo lanciato questa campagna che si chiama “Degusta la Vita”. Una campagna indirizzata a giovani e non giovani, per la sicurezza stradale e per far si che non si demonizzi il vino, calandolo in un unico calderone delle cause che poi generano immani tragedie nelle strade .
Dico sempre che, quando la sera andiamo a volte a cena da amici ed assaggiamo qualche buon vino, nessuno di noi poi fortunatamente si ritrova in stati di ebbrezza che annullano qualsiasi capacità di controllo e di sicurezza nella guida …
Nel 90% dei casi, quelle cause sono da ricercare in superalcolici, sostanze dopanti o in stili di vita e luoghi malsani .
Un mix di tutto questo ovviamente risulta spesso letale … ed appunto per questo attraverso questa campagna, cerchiamo anche di tutelare la sana e vera “musica dal vivo” fatta da veri musicisti e non da rumori assordanti … e soprattutto fatta in orari e contesti in cui si riesce ad apprezzare il piacere del condividere suoni, luoghi e profumi emozionanti …

Quali i programmi a breve per “The King of Blues & Wine”, come vieni chiamato dai tuoi grandi musicisti americani ?

Sto lavorando al momento ad un’edizione “winter” e ad una specialissima edizione estiva 2012, che celebrerà i primi 10 anni di questo grande evento ormai conosciuto in tutto il mondo …
Sono poi molto impegnato anche a completare il mio nuovo album DOPPIO LIVE, che uscirà nei primissimi mesi del nuovo anno e che risulta già attesissimo da tutti gli appassionati e dalla stampa nazionale ed internazionale .
Spero di condividere tanti concerti che presenteranno questo importante disco con i tanti amici di VINOWAY ! .


Original Joe Castellano composition dedicated to his BLUES & WINE SOUL…

Tag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *