BRUNO VESPA PRESENTA A PESCARA LA SUA NUOVA SFIDA ENOLOGICA

Scritto da | Pubblicato in degustazioni BRUNO VESPA PRESENTA A PESCARA LA SUA NUOVA SFIDA ENOLOGICA

Il giornalista aquilano Bruno Vespa ha scelto l’Abruzzo per presentare il frutto della sua scommessa enologica: i vini del brand “Vespa-Vignaioli per passione”. Nati grazie al progetto vitivinicolo “Futura 14” avviato dal giornalista, in Puglia, insieme ai figli Federico e Alessandro. Una esordiente realtà che basa la propria produzione sulla valorizzazione del vitigno principe  pugliese: il Primitivo. Tre le etichette presentate a Pescara: “Il bruno dei Vespa” Rosso Puglia Igp 2013; “Il rosso dei Vespa”  Primitivo del Salento Igp 2013 e “Raccontami” Primitivo di Manduria Dop 2012. Tutti sono accomunati da una sigla stilistica enologica, quella del noto enologo Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi e amico personale di Vespa.

La degustazione pescarese di esordio si è svolta in due momenti, prima nell’enoteca del punto vendita Adoch di Villanova di Cepagatti, alla  presenza del presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso, e del famoso vignaiolo abruzzese Marcello Zaccagnini; sucessivamente presso  Uvabianca, luogo di ritrovo per i gourmet dell’Adriatico.

“Io sono innamorato della Puglia – ha esordito Vespa – si esprime benissimo attraverso i suoi vini. Amo il Primitivo per via della sua inconfondibile austerità, che può essere anche affabile”. “Il bruno dei Vespa” degustato, decisamente giovane,  si esprime con note di frutta, spezie e una vena minerale. Invecchiato in barrique per 4 mesi. 14% vol. “Il rosso dei Vespa”, anche esso giovane, ha un attacco fruttato che vira subito verso le spezie, il timo e note terrose. 15,5% vol. Il “Raccontami” – etichetta con caratteri in corsivo che suggeriscono un invito al dialogo e alla condivisione – “parla” di tannica austerità. Frutti sottospirito, sentori di viola, liquirizia, spezie e cuoio. 16% vol.

“Vespa-Vignaioli per passione” offre anche altre interpretazioni. Lo spumante, da uve Negroamaro, metodo classico brut rosé “Noi tre”, evidente riferimento a “Futura 14” e per il 2015 presenterà  “Il bianco dei Vespa”.
L’anteprima abruzzese è stata possibile anche  grazie all’impegno della famiglia Ferretti, titolare di  Platinum Italia.

Tag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *