Guccini, Ligabue, Zucchero, Nomadi e tanti altri in “Concerto per l’Emilia” il 25 giugno a Bologna

Scritto da | Pubblicato in emergenze Guccini, Ligabue, Zucchero, Nomadi e tanti altri in “Concerto per l’Emilia” il 25 giugno a Bologna

Francesco Guccini, Luciano Ligabue, i Nomadi, Zucchero, Laura Pausini, Samuele Bersani, Cesare Cremonini, Nek, Gli Stadio, Luca Carboni, Caterina Caselli, Paolo Belli, i Modena City Ramblers e Cisco, Andrea Mingardi e il flautista reggiano Andrea Griminelli.
Sono i cantanti e cantautori emiliani che il prossimo 25 giugno saliranno sul palco di Bologna per il grande concerto di solidarietà a favore delle popolazioni colpite dal sisma. I biglietti (prato, distinti o curva) al costo di 30 euro sono in vendita da oggi tramite il circuito Ticketone, Booking Show e Charta VivaTicket, che hanno rinunciato a percepire ogni tipo di aggio, in modo da destinare il maggior numero di risorse alle popolazioni.

I costi di produzione, eccetto gli oneri Siae, saranno ridotti al minimo, grazie all’apporto gratuito di persone, strutture e servizi. L’intero incasso sarà versato sul conto della Regione Emilia Romagna che poi impiegherà le risorse donate, tramite “un meccanismo trasparente e verificabili ha assicurato il presidente Vasco Errani, in conferenza stampa a Bologna. L’evento nasce da un’idea dei Nomadi e del leader della band Beppe Carletti che ha contatto i colleghi per la mobilitazione. Organizzato da Studio’s in collaborazione con Assomusica, Radio Bruno e Joydis, il concerto si terrà al Dall’Ara grazia alla disponibilità del Bologna Football Club. La manifestazione, inoltre, gode del sostegno della Rai che manderà in onda la diretta dalle 21.20 su Rai Uno, fino alla fine del concerto. A condurre la serata sarà Fabrizio Frizzi.

L’intero evento, dal vivo e televisivo, servirà per raccogliere fondi a sostegno dei sfollati. “La musica non risolve i problemi ma può sensibilizzare le persone” ha rimarcato Carletti, invitando tutti ad essere “fans della solidarietà”. L’obiettivo è raccogliere “almeno 800 mila euro” ha concluso Carletti, ma si potrebbe anche superare il milione. “Si tratta di un evento mirato a tenere alta l’attenzione e la solidarietà di tutto il Paese sul terremoto nella nostra terra” ha aggiunto Errani. E poichè “non vogliamo che i riflettori si spengano – ha annunciato – stiamo già pensando ad un altro concerto di artisti italiani che si terrà il 15 settembre al Campovolo di Reggio Emilia”.

Fonte: francescoguccini.net.

Link per acquistare i biglietti.

Tag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *