Vinitaly 2022: è stata un’edizione essenziale

Scritto da | Pubblicato in vino, vinoway italia Vinitaly 2022: è stata un’edizione essenziale

Torna il Vinitaly nella sua 54° edizione dopo due anni di fermo per cause pandemiche, tenutosi dal 10 al 13 Aprile 2022 nella consueta VeronaFiere.

Vinoway Italia rilancia con il suo primo stand, in completa autonomia. Al Pad. 12 area F2 il team di Vinoway ha realizzato una serie di attività mediatiche per i Migliori Vini d’Italia, i Migliori Giovani Enologi, illustri Produttori e Consorzi.

Non solo, il 13 Aprile presso la sala Vivaldi, si è tenuto il convegno organizzato da Enartis e Vinoway dedicato al tema “Cosa fare per risparmiare energia ed aiutare l’ambiente”.

Le attività, mirate alla comunicazione del mondo del vino, hanno previsto masterclass con il Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria DOC e DOCG e con il Consorzio di Tutela Vini d’Abruzzo DOC, compreso un percorso degustativo orizzontale dedicato al Consorzio di Tutela del Roero DOCG.

Oltre le degustazioni dedicate ai Consorzi tenute da Davide Gangi Presidente Vinoway Italia, Alessandro Rossi Wine Manager e facente parte del nucleo attivo di Vinoway Italia, Luciano Pignataro famoso giornalista e titolare dell’omonimo blog e Antonio Scatigna Enotecnico e Vice Curatore della Vinoway Wine Selection, sono susseguite masterclass che hanno raccontato le peculiarità dei tre enologi premiati come Miglior Giovane Enologo da Vinoway Italia.

I Rosati di Marco Mascellani premiato nell’edizione 2019, I Grandi Terroir di Nicola Biasi premiato nell’edizione 2020 e La Sardegna di Andrea Pala premiato nell’ultima edizione 2021.

I Vini Spumanti di Vittorio Festa hanno avuto una particolare luce dedicata alle bolle ed alle spumantizzazioni rivolte alla qualità.

Le attività di degustazione aperte al desk con i vini selezionati nella Vinoway Wine Selection hanno creato un percorso di degustazione nazionale e quindi dei Migliori Vini d’Italia, rintracciabili anche sull’app scaricabile in free download.

I salotti culturali in stile Vinoway non potevano mancare. Al tema “Come cambierà l’esportazione del vino italia” vi erano con Davide Gangi i graditissimi ospiti dott. Riccardo Cotarella Presidente Mondiale degli Enologi e Presidente Nazionale Assoenologi ed il dott. Vittorio Cino Direttore Generale Federvini.

Dal format della Vinoway in Tour nasce anche Vinoway Vinitaly Edition, nel comodo salotto dove si è avuto modo di conversare con:

Bruno Vespa noto conduttore giornalista e produttore Vespa Vignaioli per Passione

Dario Stefàno Senatore e produttore di Tenute Stefàno

Vittorio Cino Direttore Generale Federvini,

Massimo Tripaldi Presidente Assoenologi Puglia-Basilicata-Calabria,

Beniamino D’Agostino di Cantine Botromagno,

Paride Leone di Terra dei Re,

Giovanni Brumat di Cantina Toblino,

Prof. Vincenzo Russo docente IULM Milano,

Angelo Maci di Cantine Due Palme,

Mariano Murru di Argiolas,

Pier Paolo Chiasso di Famiglia Cotarella

Novella Pastorelli Presidente del Consorzio di Tutela Primitivo di Manduria DOC e DOCG

Valentino Di Campli Presidente del Consorzio di Tutela Vini d’Abruzzo DOC

Francesco Monchiero Presidente del Consorzio di Tutela Roero DOCG

Avv. Antonio Pinto

Alessandro Leo di Cantine Paolo Leo

Luigi Seracca di Castello Monaci

Francesco D’Onofrio di Marchesi De’ Cordano

Alessandro Rossi Wine Manager di Partesa for Wine

Vincenzo Latorre di Cantine Imperatore

Il pensiero del Presidente di Vinoway Italia Davide Gangi: “Il Vinitaly resta la vetrina più importante del panorama vitivinicolo italiano. Dopo due anni di assenza si ripresenta con un’ottima organizzazione e con una nuova veste. E’ stata un’edizione “essenziale” dove si è voluto dare più risalto e spazio agli addetti ai lavori. Da quanto abbiamo potuto apprendere dalle cantine si è lavorato con più efficienza e profitto. Vinoway Italia è stata presente con un proprio stand presso il Padiglione Abruzzo, con un allestimento “mediatico-televisivo” e nel contempo conviviale. Siamo orgogliosi e molto soddisfatti del grande lavoro svolto e del successo ottenuto. Abbiamo accolto con interviste, degustazioni, salotti e masterclass dedicate, tantissimi personaggi del mondo del vino che ci hanno onorato della loro presenza. Con questa nostra prima edizione si è voluto dimostrare come si può eseguire una innovativa comunicazione del Vino Italiano.”

Ringraziamo i nostri sponsor: Acinus Wine Communication & Consulting, Enartis, Conzorzio di Tutela Primitivo di Manduria DOC e DOCG, Consorzio di Tutela Vini d’Abruzzo DOC e Consorzio di Tutela Roero DOCG

Tag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.