Sensofwine a Parma

Scritto da | Pubblicato in news Sensofwine a Parma

Dal 15 al 17 marzo, Parma ospiterà la manifestazione “Sensofwine”. Il programma prevede per venerdì 15 marzo una serata di gala al Teatro Regio, riservata soprattutto ai produttori, nella quale verranno premiate le migliori cantine della regione. Domenica 16 e sabato 17 marzo i vini emiliani, accompagnati  dai prodotti di Parma, saranno protagonisti principali nella prestigiosa vetrina di Palazzo del Governatore, con assaggi offerti a tutti i visitatori.


La manifestazione è proposta dal’enologo Luca Maroni e organizzata dal Comune di Parma, in collaborazione con Regione Emilia Romagna, Provincia di Parma, Camera di Commercio, Consorzio del Vino dei Colli e Fiere di Parma. L’iniziativa – che gode anche dell’appoggio di associazioni di categoria di Commercio e Artigianato, Consorzi di Prosciutto e Parmigiano-Reggiano, Fidenza Village, Parma Calcio e Academia Barilla – è stata presentata  sabato in Municipio in una conferenza stampa resa più “vivace” da una degustazione in anteprima, offerta ai presenti dal Consorzio del Vino dei Colli.
“Sensofwine – ha esordito l’assessore alle attività commerciali Cristiano Casa – è un evento enologico nazionale che si svolge annualmente a Roma, ma Luca Maroni ha individuato Parma come seconda migliore sede possibile, e noi abbiamo accolto di buon grado una proposta che nasce nel segno della valorizzazione dei nostri prodotti enologici, anche a livello regionale, e soprattutto si presenta come occasione per far crescere l’indotto turistico. Quello che presentiamo oggi e che illustreremo più dettagliatamente in una prossima occasione – ha continuato Casa – sarà il primo evento di una serie di manifestazioni che intendiamo mettere in atto per promuovere il territorio di Parma”.
Il presidente della Camera di Commercio Andrea Zanlari ha ricordato un lontano episodio del 1534 che vide a Parma protagonista Papa Paolo III  e che coinvolse indirettamente il nostro vino. “Dal mio arrivo in Camera di Commercio – ha poi ricordato il Zanlari – ho subito puntato sulla valorizzazione dei vini di Parma, che avevano un ambito produttivo abbastanza ristretto. Mi fa quindi particolare piacere che un enologo del calibro di Luca Maroni oggi definisca Parma capitale enogastronomica d’Italia. I nostri prodotti tipici, e il vino che li accompagna, costituiscono  un importante veicolo per l’immagine del terriotrio e possono contribuire ad alimentare il flusso turistico che purtroppo segna il passo a causa della crisi. Nel 2013 il turismo potrebbe trarre giovamento da eventi quali il bicentenario verdiano e il duecentesimo anniversario della morte del Bodoni (che porterà a Parma il meglio dell’arte grafica mondiale), nei quali potrebbero utilmente inserirsi i prodotti tipici di Parma, vino compreso”.
Il presidente del Consorzio dei Vini dei Colli Maurizio Dodi ha ringraziato Comune e Camera di Commercio per aver creduto in un’iniziativa importante per il settore, utile per dare impulso all’attività del Consorzio stesso, “nato nel 1977  per dare valore ai nostri prodotti enologici, controllare e far crescere la qualità dei vini di Parma e promuoverli anche al di fuori del territorio”

Fonte:parmaonline.info

Tag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *